Chiunque abbia una stampante 3D di tipo FDM si è imbattuto in problemi di adesione al piano di stampa e noiosi problemi come il Warping, cercando quindi un miglior supporto per le sue stampe. Spesso la soluzione finale risulta un piano di stampa in vetro borosilicato, resistente alle alte temperature, perfettamente piano e rigido.
Su questa superficie materiali con il PLA aderiscono bene, ma altri tendono a staccarsi non appena il pezzo si raffredda e quindi inizia a contrarsi. La soluzione più comune è quindi (oltre che scaldare il piano e settare bene lo slicer) di stendere sul piano dei prodottoti che ne aumentino l’adesione, come colla stick, o lacca per capelli (oltre ovviamente a tutti i prodotti professionali esistenti in commercio…)
Fin qui tutto bene, ma a suon di dai, spruzzando e spruzzando, lo spessore della lacca tende a diventare importante e soprattutto non omogeneo, mandando il livellamento del piano a farsi friggere e lasciando brutti segni sulle stampe.
Occorre quindi con una certa regolarità lavare il piano di stampa, rimuovere la vecchia lacca e applicarne un nuovo strato in modo uniforme.

Per rimuovere la lacca è sufficiente acqua calda, sapone ed una spugnetta ruvida, ma oltre a rischiare di graffiare il vetro, occorre un certo impegno per pulire il piano.

Oggi voglio condividere con voi un semplice trucchetto, derivato dalla recente pandemia.

Un ottimo solvente per la lacca è l’alcool isopropilico , tuttavia questa sostanza è molto volatile e occorre quindi irrorare tramite uno spray il piano di stampa e sciacquare più volte per ottenere il risultato. Sempre meglio che con il sapone, ma comunque scomodo.

Il trucco invece è di usare del comune gel disinfettante! (possibilmente di quello che non lascia residui)

Il gel usato sulle nostre mani per uccidere virus e batteri è composto da alcool per circa il 70%, e acqua per il rimanente 30%. E’ stato studiato apposta per permettere all’alcool di rimanere sulla superficie senza evaporare per un certo tempo, sufficiente a disinfettare (l’alcool puro infatti, evaporando in fretta non avrebbe lo stesso potere disinfettante). Sebbene il tipo di alcool sia differente, anche l’etilico scioglie bene la lacca.

Noi useremo questa caratteristica, che ci permetterà di sciogliere completamente la lacca presente sulla superficie del piano di stampa, dandoci il tempo di risciacquare senza che questa solidifichi nuovamente!

Basterà spargere il gel sul piano, far sciogliere la lacca strofinando con le dita (non serve nemmeno la spugnetta) per poi risciacquare.

Il solvente agirà anche come sgrassatore e se si usa acqua calda per il risciacquo il piano si asciugherà anche molto velocemente rimanendo perfettamente pulito!

Lacca: https://amzn.to/3nRYv80
Gel: https://amzn.to/3GM0dR1
Piano vetro borosilicato: https://amzn.to/3nS7Exs
Stampante: https://amzn.to/3wbrzuR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

32 − = 26